NETTUNO COMMISSIONE D’INCHIESTA SUL CONDIZIONAMENTO DEL SINDACO

ORA LA VICENDA SI FA TRAGICA

IL RICATTO
La questione, in verità,non è limitata al preventivo relativo ai lavori di possibili parcheggi al Parco Loricina, su cui si apre la querelle tra legali in merito alla rilevanza penale. Si ritiene che la Commissione d’inchiesta sarà costretta a sentire in audizione gli assessori dimissionari ,perchè l’aspetto che potrebbe avere rilevanza penale è legato al presunto ricatto subito dal sindaco a fronte dei no degli ex assessori alle richieste di “partecipazione” di gestione. Da quel che si dice, i contrasti con gli assessori deriverebbero  proprio dalle pressioni che ricevevano. Non sarebbe stato quindi un caso che dieci consiglieri ponessero quel ricatto al sindaco: fuori gli assessori o tutti a casa. Risponderebbe infatti al vero che il preventivo citato nel verbale era già stato oggetto di un rifiuto della giunta. E non è neppure un caso che non hanno perso tempo ed il giorno successivo, ovvero quando Casto mette alla porta cinque assessori, i dieci costringerebbero il sindaco a firmare quel verbale che assegna poteri non consentiti ai consiglieri che si dividono i settori di intervento.
E’ questo il contednere che fa scattare la presunzione di condizionamento che peraltro il sindaco vice questore non denuncia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.