SCUSATE MA QUESTA E’ UNA NOTIZIA

Scusate se vi disturbo, ma è una notizia, perchè se il Segretario del Liberal PD Luigi Noro,  esce così allo scoperto e posta sul pezzo pubblicato relativo alla strenna del 30 alla Parkroy che “non ci sarà nessuna strenna”  vuol dire che la questione è seria e non poco.

No perchè un conto è che lo dicano i consiglieri comunali Polito e Burrini, dove si può anche leggerla in una chiave di lettura diversa, come ad esempio l’assunzione di responsabilità personali. Se lo dice il Segretario dei Liberal, il problema è politico ed assume una valenza diversa o se vi piace, politicamente incerta per il futuro di questa maggioranza.

Perchè è fin troppo chiaro che se la maggioranza va sotto, sulla Buca Palpini, si apre una crisi politica dai risvolti imprevedibili,vedi i quattro consiglieri di maggioranza che avevano fatto un distinguo su alcune vicende amministrative di stretta competenza del sindaco e dei suoi stretti collaboratori che sono decisamente altra cosa dalla maggioranza di governo.

Diciamo pure che il problema politico vero sta tutto lì. Quattro o cinque signori e signore sono stati capaci di formare quel famoso “cerchio magico” mettendo in atto un apparato operativo che andava per suo conto uscendo dalle regole sia amministrative che politiche.

Una task-force che governava l’edilizia privata, le prebende ad associazioni e chissà perfino la new entry degli affari degli immigrati.

Palpini è di certo un problema,ma non è il problema o non sarebbe stato il problema,se il PD avesse avuto un organismo politico democratico aperto al dibattito,ma soprattutto al confronto. Palpini non nasce da logiche politiche interne, ma come abbiamo avuto modo di riferire in cronaca, i progetti della Buca, furono rinvenuti nel corso di una perquisizione da parte dei Vigili Urbani di Nettuno a Roma presso gli uffici e l’abitazione dei Palpini,quando nessuno sapeva che c’era in programma un parcheggio di tre piani a Piazzale Berlinguer. Non lo sapevano nel direttivo del PD, ancor meno i consiglieri comunali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.